Please turn on JS to navigate this website

MOSTRA DOCUMENTALE

LA ZOOLOGIA DOMESTICA DEI BACHI DA SETOLA

Copia il link
Link copiato!

8 ottobre - 21 novembre 2022
CIAC, Centro Italiano Arte Contemporanea, Foligno (PG)
A cura di Italo Tomassoni
Ricerca bibliografica, progetto grafico e guida alla mostra a cura di Viaindustriae

Dopo cinquantacinque anni Pino Pascali torna a Foligno: non più nel grembo della storia di Palazzo Trinci dove una grande mostra illuminata (“Lo Spazio dell’Immagine” 1967 a Cura di Giuseppe Marchiori) offrì all’artista l’opportunità di racchiudere il mare in trenta vasche quadrate di alluminio e acqua colorata all’anilina; ma all’interno della geometria rigorosa e diversamente seducente del CIAC, lo spazio voluto e realizzato dalla Fondazione Carifol nell’ambito del suo costante e qualificato impegno sull’arte contemporanea.
A Palazzo Trinci Pascali si confrontò con l’elemento naturale (l’acqua) immaginando di specchiarsi in un mare dove un giorno desiderava costruire la sua casa. Al CIAC rovescia la prospettiva. E’ l’artificiale il suo punto di seduzione, le forme standard e i colori chimici di oggetti sorprendenti e non deperibili: i “Bachi da Setola”: La Storia, come sempre, ritorna e spinge.

Viaindustriae

VIAINDUSTRIAE

Via Delle Industrie, 9
Foligno, PG
Italia

CONTATTI

info@viaindustriae.it

DISTRIBUZIONE

Internazionale: Idea Books
Italia: Libro Co

Viaindustriae è un’associazione culturale e casa editrice con sede a Foligno, PG, Italia. Fondata nel 2005, promuove progetti e ricerche artistiche che spaziano da mostre museografiche, installazioni site-specific, azioni pubbliche, residenze d’artista e pubblicazioni di vari formati. Negli ultimi dieci anni, l’attività editoriale si è consolidata fino a diventare il principale campo d’azione dell’associazione. Viaindustriae pubblica libri d’artista, libri di ricerca sperimentale, studi territoriali, cataloghi di mostre, cataloghi monografici – tra le altre forme di editoria - utilizzando la pratica editoriale come strumento generativo di sperimentazione artistica. I libri hanno formati diversi che non seguono gli standard di una pratica editoriale canonica ma piuttosto le esigenze e le specificità di ogni progetto. Viaindustriae considera la pratica editoriale come atto di traduzione che richiede una trasformazione dell’opera d’arte o visiva in una nuova forma, dove l’opera stessa sviluppa nuove possibilità e significati; per questo ogni libro diventa una piattaforma autonoma e non solo un’occasione di trasferimento di contenuti.